Registrati sul nostro Sito

Accetto di Ricevere comunicazioni ed aggiornamenti

Accetto Termini e Condizioni d'uso ed Informativa sulla Privacy




Hai già un Account? Vai al Login

Password Dimenticata

Hai perso la tua Password? Inserisci l'e-mail (username) con la quale ti sei registrato, e ti invieremo una email con una nuova password che potrai poi cambiare dal tuo profilo.

PcGaming
3DMark Mesh Shader feature test, nuovo benchmark per le schede video di ultima generazione

3DMark Mesh Shader feature test, nuovo benchmark per le schede video di ultima generazione

La suite 3DMark si arricchisce di un nuovo test per la valutazione delle performance di una importante feature delle DX12 Ultimate

UL ha recentemente aggiornato la suite benchmark del popolare 3DMark con un test appositamente studiato per valutare le performance delle schede video con supporto al ray tracing (Nvidia GeForce RTX 2000/3000 e AMD Radeon RX 6000) con i mesh shaders, che rappresentano uno degli strumenti più evoluti a disposizione degli sviluppatori, nell'ambito delle API DX12 Ultimate.

Entrando più nello specifico, i mesh shaders fanno parte dello standard DirectX Raytracing Tier 1.1; si tratta di un approccio più evoluto rispetto al passato, dato che normalmente le informazioni relative alla forma degli oggetti visualizzati (la mesh appunto) vengono processate in maniera sequenziale, e nessuna altra operazione può essere compiuta fino al completamento dell'elaborazione.

Con i mesh shader, i calcoli possono essere eseguiti in parallelo sfruttando le capacità computazionali delle schede video di ultima generazione, portantdo quindi ad un aumento notevole delle prestazioni, con in più un controlllo completo sul modo in cui possono essere processate le informazioni relative agli oggetti.

3dmark mesh shaders test

L'immagine mostra lo scenario benchmark, che rappresenta il rendering di una serie di oggetti (pilastri) incolonnati in modo tale da nascondersi l'uno con l'altro; il movimento della telecamera stressa le capacità di mesh shading delle schede video, che dovranno renbderizzare solo ed esclusivamente le porzioni visibili dei pilastri; in gergo tecnico questa operazione viene denominata culling, e viene gestita dagli amplification shader, parte integrante dei mesh shaders.

Per eseguire questo benchmark è necessario un sistema operativo Windows 10 versione 2004 ed una scheda video compatibile con le DX12 Ultimate; si raccomanda altresì l'istallazione degli ultimi driver disponibili per la propria scheda video.  

Voto 5.00 su 5
giudizio di 1 votanti

Ti è piaciuto questo Post?

Non perderti allora gli altri nostri favolosi contenuti! C'è tanto da imparare e da condividere insieme. Registrati su PcGaming.tech iscrivendoti alla Newsletter ed entrerai nella community dedicata al mondo dell'hardware e dei PC dai Gaming più Pro del Web!!!

GRATUITA, VELOCE, SICURA.

Ancora nessun commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Precedente

Successivo