Registrati sul nostro Sito

Accetto di Ricevere comunicazioni ed aggiornamenti

Accetto Termini e Condizioni d'uso ed Informativa sulla Privacy




Hai già un Account? Vai al Login

Password Dimenticata

Hai perso la tua Password? Inserisci l'e-mail (username) con la quale ti sei registrato, e ti invieremo una email con una nuova password che potrai poi cambiare dal tuo profilo.

PcGaming
AMD presenta le CPU Ryzen 5000 basate su architettura Zen 3

AMD presenta le CPU Ryzen 5000 basate su architettura Zen 3

Dopo mesi di attesa scopriamo le nuove CPU AMD, che promettono nuovi livelli di performance in tutti gli ambiti, e anche un assaggio delle performance di RDNA2

Come annunciato nello scorso mese di settembre, è arrivato il momento di Zen 3, processore che incrementa ulteriormente le prestazioni degli acclamati Ryzen 3000, basati su architettura Zen 2. Sono stati apportati molti miglioramenti, andando ad ottimizzare la struttura dei core ed a limare i punti deboli della passata generazione, focalizzando l'attenzione sulle performance in gaming, ma andiamo con ordine, analizzando i cambiamenti nell'architettura di base.

zen 3 architecture

Il cambiamento principale risiede nel layout dei CCX (Core Complex, i cluster formati dai singoli core della CPU); Zen 2 aveva CCX formati da 4 core, mentre su Zen 3 troviamo CCX formati da 8 core. Il raddoppio dei core porta ad una riduzione complesiva delle latenze interne, che aiutano molto le performance nei giochi ed anche in tutte le altre applicazioni, e l'aumento medio di IPC è del 19%, superiore a quello ottenuto passando da Zen+ a Zen 2 (15%), il tutto utilizzando lo stesso processo produttivo di Zen 2; un risultato alquanto notevole.

zen 3 layout

In precedenza, un chiplet di Zen 2 da 8 core era formato da due CCX da 4 core, ognuno dei quali fornito di un quantitativo di cache L3 pari a 16 MB; ora Zen 3 ha un CCX da 8 core con una grande cache L3 da 32 MB, condivisa allo stesso modo da tutti i core. Similmente a quanto avviene nel Ryzen 3300X rispetto al 3100, l'accesso diretto porta ad ottimizzare le latenze ed avere performance superiori, e l'incremento è tanto superiore quanto l'applicativo richiede latenze molto basse.

zen 3 ipc

Ovviamente i miglioramenti non si limitano prettamente ai CCX ma riguardano un pò tutti gli aspetti della CPU, come il prefetching per una gestione migliore dei threads, ottimizzazione del bracnh prediction, il fornt end e le operazioni di load e store; il tutto porta ad un aumento dell'IPC normalizzato alla frequenza di 4 GHz su Zen 2 del 19%, calcolato da AMD effettuando una media geometrica dei risultati su 25 applicazioni diverse.

5900x vs 10900k cb st

Durante la presentazione, AMD ha mostrato un benchamark in single thread del famoso Cinebench 20, paragonando il Ryzen 5900X al 10900K, attuale proprosta top di gamma dell'offerta Intel; nonostate la frequenza di boost riportata per il 5900X di 4,8 GHz contro i 5,3 GHz del 10900K, i risultati di Zen 3 sono di gran lunga superiori, dato che è la prima CPU ad infrangere la barriera dei 600 punti, segnando un punteggio di 631 contro i 544 del 10900K. Se già prima Zen 2 superava le proposte Intel come IPC puro, adesso il divario si allarga ulteriormente.

I modelli annunciati da AMD sono quattro, il Ryzen 5 5600X, il Ryzen 7 5800X, il Ryzen 9 5900X ed il Ryzen 9 5950X.

ryzen 5000 series

L'offerta di AMD varia dai 6 ai 16 core, e i processori saranno disponibili sul mercato a partire dal 5 novembre; i prezzi indicati sono molto competitivi, e generalmente allineati ai prezzi di lancio delle CPU Zen 2 nel 2019. Anche i consumi sono invariati, segno dell'ottimo lavoro svolto da AMD sull'architettura. Rispetto al passato, le CPU Ryzen 7 e 9 a 12 core non verranno vendute fornite di dissipatore, mentre il 5600X verrà dotato del dissipatore proprietario Wraith Stealth.

AMD ha dato un gran risalto alle performance in gaming, facendo confronti sia col 3900XT che col 10900K

5900x vs 3900xt

Il guadagno prestazionale nei giochi rispetto al 3900XT è mediamente del 26%, alla risoluzione fullhd e con una GeForce RTX 2080TI come GPU; gli incrementi maggiori sono riscontrabili in Leauge of Legends (+50%), PUGB (+33%), e CSGO (+46%), quindi le nuove CPU AMD sono le più indicate nei giochi competitivi, che necessitano di un numero elevato di FPS.

5900x vs 10900k

Rispetto al 10900K, l'incremento medio è del 7%, con i valori più elevati riscontrabili sempre nei giochi competitivi più diffusi.

La punta di diamante della serie è rappresentata dal Ryzen 5950X, il nuovo processore fotato di 16 core e 32 threads, che stabilisce nuovi livelli di performance superando di molto il precedente 3950X, specialmente nei giochi

5950x vs 3950x

Il 5950X viene paragonato pure al 10900K, mostrando incrementi anche superiori rispetto al 5900X grazie alla frequenza di boost più elevata

5950x vs 10900k

A conlcusione dell'evento, Lisa Su ha dato un assaggio delle prossime GPU AMD basate su architettura RDNA2, mostrando la VGA a tre ventole, uguale alle immagini diffuse da AMD nel mese di settembre

rx6000 rdna2

amd radeon rx 6000 4k gaming

Per dare un'dea delle performance attese, AMD ha mostrato i bench su tre giochi alla risoluzione 4K con dettagli massimi (Borderlands 3, Gears of War 5 e Call of Duty: Modern Warfare), e le performance sono decisamente elevate, paragonabili o superiori alla GeForce RTX 3080 recentemente presentata (Call of Duty: Modern Warfare sembrerebbe paragonabile alla RTX 3090).

Non ci resta che aspettare il 28 ottobre, quando AMD terrà l'evento dedicato alle nuove GPU serie 6000 per avere tutte le informazioni in merito alle nuove VGA, incluse le prestazioni con ray tracing attivo.

 

 

 

  

 

 

Voto 5.00 su 5
giudizio di 2 votanti

Ti è piaciuto questo Post?

Non perderti allora gli altri nostri favolosi contenuti! C'è tanto da imparare e da condividere insieme. Registrati su PcGaming.tech iscrivendoti alla Newsletter ed entrerai nella community dedicata al mondo dell'hardware e dei PC dai Gaming più Pro del Web!!!

GRATUITA, VELOCE, SICURA.

Ancora nessun commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Precedente

Successivo